Schiavi del quotidiano (12 images)

Performance about Time e Denial
Recommend
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIN
  • Pinterest
Share
Tagged in

<BACK TO ART

Clicca le immagini per ingrandirle \ Click the images to maximize them

"Schiavi del quotidiano" fa parte di una serie di performance che indagano il senso del diniego tramite gli stessi gesti ripetuti all'infinito. Una donna. La paura della perdita del controllo. L'osservazione in eterno del tempo e l'ispezione di un rubinetto sospeso in aria nella speranza  che perda dell'acqua. La speranza come pretesto usato per dimenticarsi di sé. Nonostante l'assenza marcata e rimarcata dalla performer, l'acqua sembra essere onnipresente e palpabile grazie alla continua ricerca di essa, una ricerca simbolica che sottintende la ricerca di un "lavar via" l'accidia tramite una vera e propria catarsi. Ripetersi. Ripetere le medesime azioni per non prestar attenzione a se stessi, per non pensare, negando una parte della realtà interiore ed esteriore. 12 ore delle stesse azioni maniacali ripetute in tre giornate diverse per 4 ore consecutive ciascuna, durante la mostra nazionale Manicomi Aperti, evento dedicato alla salute mentale.

Concept e regia: Fabio Costantino Macis \ Performer: Noemi Medas

Per maggiori informazioni sull'evento cliccare qui

<BACK TO ART

Info