Autòs \ Spazi sottolineati – Dance (17 images)

Recommend
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • LinkedIN
  • Pinterest
Share
Tagged in
“Autòs”, è un itinerario a più fermate che esplora gli spazi “autistici”. Spazi di luce circoscritta; vetri e muri che si edificano; spazi inesplorati e troppo spesso ignorati. Racconta di mondi sospesi tra sogno e realtà in cui si svelano gioie e drammi, incontri e scontri tra linguaggi diversi. Può una diversità essere un ostacolo insormontabile? Forse si tratta di un unico mondo, o semplicemente un altro mondo. Il progetto diretto dalla regista Silvia Bellu, nasce in una modesta sala prove milanese. In principio erano solo appunti, riflessioni; l’urgenza di comunicarle è stata immediata. L’interesse di indagare un tema importante come quello dell’autismo e della diversità in genere, fa nascere nel dicembre del 2010 il nucleo centrale dell’ambizioso progetto. Un lavoro di costante ricerca e sperimentazione in cui danza, teatro, sound design e light design si fondono nel tentativo di ricreare questo universo, realizzando una ricerca sull' “altro da sé” che non significa essere “diverso”, ma semplicemente “altro e oltre”. Ed è proprio uno sguardo “oltre” quello con cui si è osservato questo mondo, uno scorcio privilegiato che parte dalla personale percezione di chi lo guarda.
 
Lo spettacolo è arrivato finalista al Premio Europeo Teatro e Disabilità 2014.
Tappe dello spettacolo: Cagliari, Serrenti, Roma, Milano, Locarno, Lugano.
Lo spazio dei ControForma è uno spazio di di studio e di ricerca, un luogo creativo in cui si cercano nuovi modi e canali espressivi di comunicazione. La Compagnia ControForma è un gruppo di performers formatosi nel campo del teatro e della danza contemporanea nelle più importanti scuole italiane e con maestri di fama internazionale; un collettivo da sempre attento all'integrazione e al dialogo dei linguaggi coreografici, teatrali, musicali e visivi.
Info